Milan, cosa cambia e cosa resta con l’arrivo di Rangnick

Ralf Rangnick starebbe facendo il punto della situazione in vista di un possibile approdo al Milan e focalizzerebbe la sua attenzione su due nomi in particolari: si tratterebbe di Geoffrey Moncada, responsabile dello scouting, e Hendrik Almstad, il Direttore Sportivo.

Si tratterebbe di due figure molto vicine ad Ivan Gazidis, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport. Il manager tedesco avrebbe già reso noto che vuole averli accanto, quindi dovrebbero essere riconfermati entrambi. Il loro ruolo sarebbe più decisivo ed importante. La proprietà si è detta pienamente soddisfatta del loro operato dell’ultimo anno, quindi la loro riconferma sarebbe più che mai sostenuta.

Milan, con Rangnick spuntano i nomi di di Braida e Bonera

Spunterebbero, però in questi giorni, altri nomi di collaboratori italiani per Rangnick. Due in particolare: si tratterebbe di Ariedo Braida e di Daniele Bonera. Il primo è uno storico ex Direttore Sportivo del Milan berlusconiano. Lasciato il club rossonero nel 2003, Braida ha poi a lungo collaborato col Barcellona, ma ad oggi è senza squadra ed è rientrato a Milano. Quindi, a questo punto, potrebbe fare ritorno al club rossonero. Daniele Bonera al contrario lavora a Milanello già da un anno ed è arrivato come collaboratore di Giampaolo e poi rimasto anche con l’arrivo di Pioli. L’ex difensore è particolarmente amato dai calciatori, e da tutto l’ambiente in generale.

Sia Braida che Bonera sarebbero due figure decisamente compatibili con lo scientifico Rangnick, quindi la loro collaborazione dovrebbe preannunciarsi come altamente proficua. Ariedo Braida è un ex calciatore che ha giocato nel Brescia, nel Varese e nel Cesena. Successivamente ha iniziato la professione di Direttore Sportivo nel Monza e nell’Udinese. Dal 1986 al 2002 ha ricoperto l’incarco di Direttore Generale del Milan, per diventarne, successivamente, dal 2002 al 2013, il Direttore Sportivo. Con l’arrivo di Ralf Rangnick, così, Paolo Maldini dovrebbe lasciare il club rossonero, mentre figure come Franco Baresi e Daniele Massaro sarebbero destinati a rimanere e a rappresentare sempre di più dei grossi punti di riferimento per i giocatori della squadra.

 

 

 

 

Pubblicato da Ilaria Grasso

Medico, con la passione per la scrittura e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti