Milan, Ibrahimovic sempre più lontano. Il prossimo sarà un nuovo anno zero

Che il campionato riprenda oppure no, quello che è certo è che la prossima stagione sarà un nuovo anno zero per il Milan è ormai finita. Tutto è cambiato e tutto sta ancora cambiando nel club rossonero. C’è aria di mobilitazione, in quel di Milanello. Mancano ancora 13 partite alla fine del campionato, ma ogni componente della squadra come dell’entourage, è perfettamente edotto di quello che sta accadendo. PioliMaldiniBonaventura e Ibrahimovic potrebbero presto dire addio per sempre ai rossoneri. Anche se nelle ultime ore qualcosa sembrerebbe essere cambiato. Gazidis, infatti, non avrebbe apprezzato così come Maldini le parole di Rangnick. Riguardo Ibra, invece, il suo agente MIno Raiola starebbe tentando un approccio con lo stesso Amministratore Delegato rossonero.

Il licenziamento di Boban sarebbe stata la chiave di volta, la goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo. Dal profondo del suo cuore, Ibrahimovic sente di certo che il Milan, così com’è adesso e come sta diventando, non gli appartiene più. Probabilmente si tratta della stessa sensazione avvertita dal Direttore Generale del Milan, Paolo Maldini. Ad entrambi questi cambiamenti non piacciono. E dal canto suo l’Amministratore Delegato, oltre a Direttore Generale, Ivan Gazidis, non avrebbe mai accennato ad Ibra neppure lontanamente una richiesta di rimanere. Questo da quanto riportato da Calciomercato.com.

Milan, Ibrahimovic si lascia andare su Instagram e fa una dichiarazione importante

Nel frattempo lo svedese, come sempre attivo sui social, ha lanciato un messaggio nemmeno così criptico su Instagram, breve ma intenso: “Ci vediamo presto”. Il destinatario potrebbe essere la Bundesliga. Il dopo Milan, infatti, potrebbe essere rappresentato dal campionato tedesco.

In scena, anche se in posizione più defilata, torna di moda anche il Bologna. Il Direttore Sportivo Alberto Bigon, ai microfoni di SKY Sport, non avrebbe fatto mistero del proprio interesse per l’ex Inter e Juventus, ma la considererebbe un’idea piuttosto difficile. Ma il sogno di averlo in squadra, magari a guidare i più giovani con la sua esperienza, resterebbe. Quello che invece è assolutamente certo che se e quando il campionato di Serie A riprenderà, per i rossoneri le cose ripartiranno da dove erano rimasti, ma completamente cambiati, in lotta comunque per un piazzamento in Europa la prossima stagione.

Pubblicato da Ilaria Grasso

Medico, con la passione per la scrittura e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti